La certificazione accreditata favorisce il commercio internazionale, accresce l’export e alimenta la fiducia dei consumatori. A confermarlo è una nuova ricerca dell’Osservatorio di Accredia presentata in occasione dei 10 anni di attività dell’ente. Le imprese, soprattutto attive nel settore dell’abbigliamento, in possesso di certificazioni accreditate in questi ultimi anni hanno visto crescere la loro produttività del 30-60%. A fronte di tanti vantaggi, il moltiplicarsi dei beni scambiati e la varietà dei Paesi d’origine in cui vengono prodotti i beni solleva anche timori sulla loro sicurezza. La valutazione di conformità accreditata e l’adeguamento agli standard internazionali vengono quindi considerati come fattori determinanti per evidenziare la credibilità, la qualità e la sicurezza dei prodotti e dei servizi scambiati. Messaggio che è stato ben recepito in Europa dove l’accreditamento è diffuso in modo capillare: nel 2018, infatti, gli accreditamenti rilasciati nell’ambito degli accordi di mutuo riconoscimento EA – MLA (quindi riconosciuti dagli altri paesi membri) erano ben 35.276 con un trend di crescita. Dimostrazione che le ispezioni, le prove di laboratorio, le tarature accreditate e le certificazioni che accompagnano la commercializzazione di prodotti o servizi, rappresentano ormai un vero e proprio passaporto per l’export. Indispensabile quindi, per le imprese richiederle e ottenerle. Per approfondire l’argomento contattare Innova al telefono 0547/75621 o scrivere a info@innovagruppo.it.